In un universo parallelo..

Mi voglio lanciare in un azzardata analisi di quanto accaduto in un universo parallelo dove la politica italiana è più lungimirante, più coraggiosa e generosa:

– Il giorno dopo le elezioni il PD e Bersani aprono a Grillo ed al M5S.
– Dopo una serrata trattativa il M5S accetta di far nascere il governo Bersani con un appoggio esterno, indicando alcune autorevoli persone come Ministri di tale Governo, stringendo l’accordo di scegliere congiuntamente il Presidente della Repubblica e stabilendo che il primo atto del governo sia la legge sul conflitto di interessi.
– Nasce il governo Bersani I all’insegna del rinnovamento, composto da Ministri di alto profilo e non da tromboni della politica.
– Viene approvata la legge sul conflitto di interessi che rende Berlusconi ineleggibile dando luogo ad un insanabile spaccatura politica con il PDL
– Dopo un lungo confronto su chi eleggere Presidente della Repubblica, le quirinarie e ampio dibattito si decide di votare Rodotà.
– Stefano Rodotà viene eletto Presidente della Repubbica alla 4 votazione.

Questo è quello che anche da noi poteva essere ma non è stato. Le colpe non ricadono unicamente sul Partito Democratico ma anche su Grillo ed il M5S che hanno anteposto il proprio tornaconto elettorale alla possibilità di cambiare il paese. Sono sicuro che a livello elettorale le scelte di Grillo e del M5S in questo universo si sono rivelate azzeccate, il patetico spettacolo regalatoci dalla politica negli ultimi giorni culminato con la rielezione di Napolitano farà sicuramente crescere il consenso del M5S. Sicuramente però, in quell’universo parallelo dove le cose sono andate diversamente l’Italia ci ha guadagnato.

Questa voce è stata pubblicata in Pensiero libero e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.